LABORATORIO DELLA FELICITA'

 

Istinto di sopravvivenza  e aggressività

Cancro - Leone - Vergine

 

CANCRO - I nativi vogliono un nido caldo e confortevole, per sé stessi e i loro cari,così si imprigionano, imprigionando gli altri nella loro gabbia dorata in cui mantengono con meticolosità maniacale tutto quello che ha sapore di ricordo e potrebbe tornare utile, sia sul piano delle cose pratiche che degli ideali. Questo permette loro di considerarsi razionali, mentre perseguono i loro istinti, senza saperlo.

Vivono più immersi nel loro inconscio che nel rapporto con la sfera sociale soprattutto per l'importanza che danno ai valori affettivi, giustificandoli razionalmente con l'esclusione di coloro che non fanno parte della loro ristretta cerchia, impedendosi delle esperienze.

Sono fra coloro che più di altri vivono istintivamente le proprie emozioni, ma dato che non possono confessarselo, a causa delle auto censure e dei tabù, ricorrono a ragionamenti logici così complessi e cerebrali che hanno bisogno di ricorrere ai conformismi e ai valori sociali, che sono utili solo per questa forma di convenienza personale. L'impossibilità di prendere coscienza dei propri egoismi e la logica menzogna che ne deriva, motiva le scelte che vengono effettuate, ma l'inconscio non ci sta a questa forma di rinuncia personale tutta protesa solo agli interessi logici e si ribella a volte persino in forma passiva facendo precipitare il soggetto in depressione o al contrario stimolandolo a nuove esperienze erotiche che aumentano la sensualità ma non sono utili all'evoluzione e finiscono nuovamente per generare depressione.

LEONE - Apparentemente sono fra i più dotati, infatti sono spesso vincenti nelle situazioni che affrontano all'insegna della razionalità, non considerando mai le pulsioni inconsce, di cui vogliono ignorare l'esistenza, per sentirsi perfettamente in linea con tutto ciò che è imparentato con la sfera scientifica e non perdono tempo in inutili riflessioni di carattere emotivo, perché questo li indurrebbe a scoprire le profondità del loro inconscio, con cui non vogliono confrontarsi.

I nativi sono certamente i più solari dello zodiaco e questo li mette in condizione di avere un'estrema paura di tutto ciò che è buio, nascosto, recondito e insondabile, anche se non lo ammettono, infatti si ritengono i più scettici dello zodiaco e per questo i più razionali, ma non è così.

Il loro ego non può permettersi sconfitte che non siano giustificabili sul piano della razionalità e della competizione a cui si assoggettano volentieri.

Ne consegue che vivono proiettati verso l'ego e sacrificano l'inconscio, così si riempiono di conflitti, di sensi di colpa e di contrasti e data l'alta auto-considerazione, non si concedono mai l'assoluzione, anche se non somatizzano eccessivamente ma estroversi come sono riescono a far uscire l'aggressività verso gli altri, danneggiando per contro i loro rapporti sociali.

Se accettassero di fare i conti con le proprie debolezze, troverebbero certamente una forma di equilibrio maggiore.

VERGINE - In questa particolarissima costellazione, più che in ogni altra, troviamo soggetti che devono fare i conti con i propri freni inibitori e che quindi si trovano a vivere un perenne conflitto fra la parte cosciente estremamente attiva e la parte inconscia che viene quasi sempre sacrificata. Anche i meccanismi competitivi sono poco presenti, tutto viene filtrato attraverso una ferocissima auto-censura che limita il campo d'azione dei nativi. Sono portati a comprendere gli altri e non hanno una mentalità ristretta, grazie alla presenza dell'intelligenza e delle capacità analitiche, ma difficilmente si consentono di lasciarsi andare ai propri istinti più profondi, e nonostante siano così capaci di frenarsi,si puniscono anche soltanto per l'aver pensato o desiderato attraverso una pulsione emozionale qualcosa che poi alla fine, non riescono a realizzare proprio per le istanze logiche, che riescono a mettere in campo, a detrimento dell'io inconscio.

Mortificati dal Catone censore, sempre troppo sveglio dentro di loro, non si accontentano di rinunciare ad esprimere l'istintualità, che reprimono, ma soffrono di profondi sensi di colpa, che infertizzano le insoddisfazioni e li fanno sentire inadeguati in ogni circostanza, punendosi anche sul piano della somatizzazione fisica.

Sarebbe opportuno che i nativi riservassero a sé stessi, almeno lo stesso trattamento comprensivo che sono disposti a tenere verso chiunque, o possono far soccombere l'istinto di sopravvivenza, sepolto sotto una forma auto-aggressiva implacabile.

HOME PAGE

 

Ariete-Gemelli

 

Cancro-Vergine

Bilancia-Sagittario

Capricorno-Pesci